domenica 8 novembre 2015

Crostata con frolla alle mandorle

Non c'è niente da fare, a casa nostra le crostate vengono divorate in un istante!
Sarà che, insieme ai ciambelloni, sono i "dolci della nonna" per antonomasia, perché, diciamoci la verità, cosa c'è di più confortevole di una crostata?
La ricetta che vi proponiamo oggi è un gustoso esperimento. Abbiamo provato a fare una frolla diminuendo la quantità di farina di grano, e mettendo al suo posto la farina di mandorle. Il risultato è davvero eccezionale! Si ottiene una frolla friabile, profumatissima e morbida. Ottima con una marmellata un po' aspretta, che faccia da contrasto con il dolce delle mandorle (noi non l'avevamo ma amarene, prugne o lamponi sarebbero l'ideale). Naturalmente, potete scegliere quella che più vi piace! :)
Perfetta con un tè o la mattina a colazione... a dirla tutta, delizia il palato in ogni momento. Insomma, fidatevi, assolutamente da provare!





Ingredienti:

per la frolla

200 g di farina 00
125 g di farina di mandorle
90 g di burro
75 g di zucchero
1 uovo
circa 1/3 di bustina di lievito per dolci ( circa 5 g )
vanillina (a piacere)

N.B. - se usate farina di mandorle già zuccherata, regolatevi secondo la quantità di zucchero già presente nella farina (ad es. la farina di mandorle Lo Conte, in commercio in molti supermercati, ha un rapporto di circa 1:1. In questo caso utilizzate 200 g di farina di mandorle senza aggiungere altro zucchero). Se invece volete tritare le mandorle, ricordate di mettere nel frullatore le mandorle intere, precedentemente sgusciate e pelate, insieme a un paio di cucchiai di zucchero. Essendo un frutto oleoso, lo zucchero eviterà l'ammassarsi della farina dentro il frullatore.
Non ho provato questa seconda opzione, ma temo che si ottenga una frolla meno fine, più granulosa e più difficile da stendere.


per farcire

confettura al gusto che più vi piace (consigliamo una confettura un po' aspretta che faccia da contrasto con la frolla)

suggeriamo uno stampo a cerchio apribile del diametro di 24-26 cm. ma potete sbizzarrirvi con qualsiasi forma e dimensione.


Procedimento:

Prendete una larga ciotola e tagliatevi a tocchetti il burro morbido, precedentemente lasciato a temperatura ambiente. Unitevi lo zucchero, la vanillina e mescolate finché il burro e lo zucchero non si saranno amalgamati fra di loro formando un composto spumoso.
Unite al composto l'uovo (meglio se freddo di frigo) e amalgamate il tutto con una frusta elettrica o a mano.
Aggiungete le due farine setacciate con il lievito.
(potete altrimenti preparare sulla spianatoia la farina a fontana setacciata con il lievito e il pizzico di sale e versarvi dentro il composto)
L'aggiunta di una piccola quantità di lievito aumenta la friabilità.
Compattate e impastate velocemente, per evitare che il burro si scaldi, fino a formare un panetto.
Avvolgetelo nella pellicola e fate riposare in frigorifero per almeno mezz'ora prima dell'utilizzo. Potete anche congelarlo per averlo pronto per una prossima occasione.


Riprendete il panetto di pasta frolla. Su una spianatoia stendetene i 2/3 col mattarello allo spessore di circa 3-4 mm aiutandovi, se necessario, con un poco di farina.

Noi usiamo la carta forno, ritagliandola del diametro utile a seconda della teglia e stendendo l'impasto direttamente sulla carta in modo da rendere più facile il trasporto nello stampo. Una volta nello stampo basterà aggiustare leggermente il bordo con le dita.
Se invece non usate la carta forno spennellate lo stampo con un filo di burro (questo aiuterà a staccare la base una volta cotta) e, aiutandovi arrotolando la pasta intorno al mattarello, sollevatela e posizionatela sulla tortiera.
Ritagliate poi con un coltello i bordi in eccesso.

Versate la confettura e livellatela con un cucchiaio o una spatola.

Stendete la pasta rimanente e formate delle strisce larghe circa 1 cm ritagliandole con un tagliapasta o anche con un coltello.
Posizionatele sulla superficie incrociandole in modo da formare delle losanghe.

Infornate in forno preriscaldato a 170° C per circa 40-45 minuti o comunque finché la frolla non sarà dorata.
Sfornate la crostata e lasciatela raffreddare. Una volta raffreddata trasferitela su un piatto da portata e conservatela a temperatura ambiente sotto un coperchio per torte.

6 commenti:

  1. Questa frolla deve essere divina e le foto invogliano all'assaggio :-P
    Buona domenica <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo è davvero! Provala e ci dirai ;)

      Elimina
  2. Immagino la bontà la farina di mandorle dà un tocco in più,da fare buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Paola! E' particolarmente profumata e deliziosa. A noi è piaciuta molto :)

      Elimina
  3. Che buona!!! Adoro le crostate, a colazione sono una vera bontà. La farina di mandorle dà sicuramente un sapore diverso e delizioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a noi piacciono da morire, in ogni variante!

      Elimina