domenica 27 aprile 2014

Ciambella al Vov... che poi era Bombardino

Non siamo grandi bevitori di liquori, né grandi intenditori. Eppure da quando andiamo in Trentino abbiamo cominciato ad apprezzare il Bombardino, un liquore all'uovo, e non torniamo mai a casa senza una buona scorta.
Già il nome è tutto un programma.


La leggenda narra che un giovane genovese decise di andare a vivere in montagna e, dopo un lungo periodo come Ufficiale degli Alpini gli venne dato in gestione il rifugio del Mottolino; seduto al bar con gli amici iniziò a pensare a una bevanda che avrebbe potuto scaldare le sere invernali e tra tutte le combinazioni possibili, quella a base di latte, whisky e liquore all’uovo, ovviamente scaldati, sembrò quella migliore.
Dopo aver realizzato la bevanda, il giovane genovese la fece provare a un cliente che esclamo: “Accidenti! E’ una bombarda!”, e per questo fu chiamata Bombardino. Con il passare del tempo il latte è stato sostituito dalla panna e l’Whisky dal brandy e il rum, ma l’uso è rimasto lo stesso. 
Fonte: Come fare tutto

Se caldo, con panna e cacao, dà il meglio di sé, ma anche freddo non scherza. È cremoso, denso, profumato; e allora perché non provare ad usarlo per aromatizzarci un ciambella?
Per questa ricetta ci siamo ispirati alla ciambella al Vov di Francesca del blog Diario di un'aspirante pasticcera, reinterpretandola a modo nostro.
Mai ciambella durò così poco a casa nostra. Il profumo uscito dal forno era già tutto un programma, l'alcol che evaporava portava con sé il gusto del rum e degli altri aromi di questo liquore. E ogni fetta è stato un piccolo angolo di puro gusto.
Che usiate il Vov o il Bombardino il risultato è garantito.




Facile


Ingredienti:

4 uova
200 g di zucchero
60 g di olio di semi
170 g di farina 00
80 g di frumina
100 - 150 g di bombardino o Vov


Procedimento:

Montate a lungo le uova con lo zucchero con un robot da cucina o uno sbattitore elettrico (per 10 - 15 minuti) finché diventeranno una massa gonfia e spumosa, giallo chiaro.
Sempre continuando a mescolare aggiungete l'olio e il liquore. Unite poi, a poco a poco, la farina e la fecola setacciate insieme con il lievito, mescolando delicatamente con un cucchiaio di legno dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Imburrate e infarinate uno stampo per ciambellone del diametro di 20 cm circa, versatevi il composto e infornate in forno statico preriscaldato a 180° per circa 45 minuti (fate la prova stecchino!).
Sfornate, lasciate raffreddare qualche minuto e capovolgete su un piatto.

4 commenti:

  1. Bellissima la leggenda del Bombardino e questo ciambellone è così soffice *_* Sembra davvero squisito, complimenti :)

    RispondiElimina
  2. Lievitazione e cottura perfette! Ne mangerei proprio volentieri una fetta in questo momento..
    Buona domenica
    Claudia
    http://lacucinadistagione.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. Che bella questa ciambella! E sarà anche gustosa!!!
    Complimenti!
    http://www.campiflegrei.na.it/index.php/category/gastronomia/

    RispondiElimina