domenica 27 dicembre 2015

Cotechino in crosta

La tradizione vuole che il cotechino sia il piatto  tipico dell'ultima notte dell'anno. Aiuta a dire addio al vecchio anno e a salutare il nuovo. Per alcuni questo momento è una liberazione, per altri è pieno di speranze, altri ancora ricorderanno i 365 giorni trascorsi come tra i più belli della propria vita.
Tutti davanti ad un cotechino. Pietanza povera, fatta con tagli non pregiati e che deve il suo nome alla cotenna di maiale in cui è avvolto.
Per rimanere fedeli alla tradizione, e al contempo stupire i vostri amici, vi proponiamo una versione insolita di questo piatto: il cotechino in crosta. Una manciata di lenticchie e il Capodanno è servito.


Buon anno.




Facile





Ingredienti:

cotechino precotto (di media grandezza)
pasta sfoglia rettangolare già stesa
300 g di spinaci e cicoria misto (anche surgelati)
olio extra vergine d'oliva
sale
uno spicchio d'aglio
peperoncino
1 tuorlo d'uovo per spennellare



Preparazione:

1. Lessate gli spinaci e la cicoria in abbondante acqua salata, scolateli e strizzateli bene. (Non dovranno contenere acqua altrimenti ammorbidiranno la pasta sfoglia).
2.  Soffriggete appena in padella l'olio e lo spicchio d'aglio, poi aggiungete la verdura e ripassate per qualche minuto con un po' di peperoncino. Lasciate raffreddare.
3. Nel frattempo preparate il cotechino seguendo le istruzioni sulla confezione. Di solito si fa bollire per circa 20 minuti nel suo involucro, poi si apre la confezione, si scola il liquido di cottura e lo si priva del budello.
4. Prendete la sfoglia e adagiatevi la verdura lasciando un bordo di circa 2 cm. Se vi piace potete arricchire il piatto con una spolverata di parmigiano.
5. Posizionate il cotechino verso un lato e arrotolate la sfoglia stringendola bene attorno al cotechino e chiudendo bene i bordi. (Per far aderire la sfoglia potete bagnare appena il bordo con l'acqua.)
6. Spennellate la sfoglia con un tuorlo d'uovo sbattuto
7. Per dare un tocco in più al piatto potete cospargere la superficie con semi di lino o di sesamo.
8. Infornate in forno preriscaldato a 180° finché la sfoglia non sarà dorata e ben cotta. Servite caldo.



3 commenti:

  1. Io AMO la tradizione viva le ricette vere! buon anno a te :-)

    RispondiElimina
  2. Sicuramente lo proverò. Grazie mille

    RispondiElimina
  3. Sicuramente lo proverò. Grazie mille

    RispondiElimina